Sara Rocutto

Fiduciario Convium Leader:
 SEDE via Natale Palli, 48, 13100, Vercelli (Vc)
 PHONE +39 347 2787934
 E-MAIL slowfood.vercelli@libero.it
 C/C BANCARIO
   PAGINA FACEBOOK https://www.facebook.com/Slow-Food-Vercelli-734522029921819/?fref=ts

Comitato di Condotta

Gemellaggio Orti

  • Un orto in Senegal
  • Condensare in poche righe l’attività ventennale di Slow Food Vercelli è impresa difficoltosa e forse anche noiosa in quanto sarebbe un lungo elenco di date e avvenimenti.Ci limiteremo quindi a citare quelli che sono stati gli eventi che hanno caratterizzato questi anni.Fin dai primi anni 90, oltre ad organizzare cene conviviali per i soci, la condotta ha programmato corsi di alfabetizzazione al vino per avvicinare ed educare i partecipanti ad una lenta riscoperta del piacere di questa bevanda. Sempre in quegli anni, in collaborazione con una storica libreria vercellese, abbiamo presentato i volumi editi da Slow Food Editore (guida alle Osterie d’Italia, guida ai Vini d’Italia) diventati poi veri e propri best-seller. I componenti del comitato di condotta si sono anche sempre occupati, fin dalla nascita del volume Osterie d’Italia, di segnalare ristoranti e trattorie del territorio attenti alla stagionalità e all’origine delle materie prime.Abbiamo poi collaborato con il festival di musica tradizionale Folkermesse, curando la parte gastronomica, gli aperitivi in musica e segnalando locali e artigiani piemontesi in linea con la filosofia “slow”. Nel frattempo la condotta cresceva e si allargavano anche gli obiettivi, cominciavano le proficue collaborazioni con le altre condotte di Slow Food ( del Canton Ticino con la “cena delle rane”, del Monferrato Casalese, del Canavese e della Val Nervia e Otto Luoghi. si dava il via a collaborazioni con le istituzioni (Regione Piemonte, Provincia di Vercelli, comune di Vercelli, Camera di Commercio, Istituto Alberghiero di Gattinara, Coldiretti di Biella e Vercelli, Ecomuseo delle Terre d’acqua). Sulla scia di quest’entusiasmo nasceva il grande evento, Corti e Cascine nelle Terre d’acqua, che ha portato migliaia di persone ad ammirare i castelli e i cascinali in cui si coltiva il prodotto principe della provincia

    Questo grande contenitore di arte, musica e sapori si è via via sempre più ingrandito sino a raggiungere, nella primavera del 2004, una dimensione internazionale grazie alla collaborazione del Conservatoire des cusines mediterranees de Camargue per la Francia e all’ Ajuntament de Sueca per la Spagna.

    Parallelamente partivano i corsi di formazione per docenti di “educazione sensoriale ed alimentare”(anno scolastico 1999/2000) e Venivano attivati 4 corsi Master of Food: Storia della Gastronomia (2001), Birra (2002), Vino 1° livello(2003) e  Formaggio (2004). Proprio al formaggio ed in particolare a Pantaleone da Confienza è stato dedicato un  convegno, nell’aprile 2004,  a cui hanno partecipato docenti universitari di Torino e Pavia ed il presidente di Slow Food Carlin Petrini.

    Siamo così giunti a marzo 2005 ed alla collaborazione all’organizzazione del convegno RICE-NET (Vercelli incontra l’India) con l’allestimento di una cena indiana; ad un corso di degustazione di tè; ed  un convegno sulla coltivazione della zucca nelle nostre campagne ed il suo utilizzo in cucina.

    Nel 2007 la condotta ha collaborato con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo all’organizzazione del convegno internazionale di studi “Di cotte e di crude” in cui sono intervenuti tra gli altri Carlin Petrini, Edoardo Sanguineti, Folco Portinari e Massimo Montanari. Sempre nel 2007 un delegato ha partecipato al congresso internazionale di Slow Food in Messico.

    Da fine  2008 è attivo un Gruppo d’Acquisto Solidale, parallelo alla condotta, di cui molti soci e alcuni componenti del comitato di condotta fanno parte. A giugno 2010 la condotta ha festeggiato i vent’anni di attività con una grande festa presso la Tenuta Colombara di Livorno Ferraris.

    Nel 2011 la condotta ha aderito e finanziato il progetto “Mille Orti in Africa” adottando un orto nella provincia nord del Senegal.

    Ogni anno viene organizzato un programma annuale con in media un appuntamento mensile: 6/8 cene tematiche, 2/3 laboratori del gusto, presentazioni di libri, visite a produttori del territorio e serate dedicate al cibo e alla musica.