05
Ott
Condotta Vercelli – Birredì
All day long
05-10-18

La Condotta di Vercelli, per il Birrerdì del 5 ottobre ha scelto di unire utile e dilettevole, scegliendo di proporre ottime birre, prodotte da un birrificio che in questo periodo ha bisogno di un po’ di sostegno.
Parliamo del Birrificio Maltus Faber, che ha sede a Genova a pochissima distanza da dove è avvenuto il crollo del ponte Morandi.
Come altre attività della zona sta risentendo delle difficoltà logistiche che hanno seguito la tragedia di metà agosto e così Slow Food Vercelli ha deciso di mostrare la propria vicinanza organizzando questa serata.

La qualità delle birre non è in discussione, tanto che Maltus Faber fu già protagonista delle due edizioni del Festival della birra artgiianale organizzate nel 2014 e nel 2015 e, se questo non vi bastasse, parla chiaro la chiocciola ottenuta nella guida alle birre d’Italia di Slow Food.

Durante la serata – che si svolgerà venerdì 5 ottobre alle ore 20:30 presso la nostra sede di via N.Palli n.48 (c/o A.B.A.) – ci sarà, come sempre, un accompagnamento gastronomico del territorio di provenienza del birrificio.

Ecco le birre che assaggeremo:

Blonde hop – 5,6%
La base è una classica birra chiara di impronta belga, con note fruttate, buona carbonazione e ottima secchezza; il valore agginuto è la luppolatura americana anche in dry-hopping, che aggiunge note agrumate e resinose.
Birra quotidiana nella guida Slow Food 2019

Amber ale – 5,6%
Maltus faber è un birrificio con ispirazione prevalentemente belga, ma qui va ad affrontare uno degli stili americani meno diffusi dalle nostre parti, le maber ale. Nomen omen, si tratta di una birra ambrata ad alta fermentazione in cui le note leggermente caramellate del malto sono ben bilanciate dalla luppolatura americana che sprigiona toni di pompelmo e mandarino sia al naso che nel retrolfatto.
Grande birra nella guida Slow Food 2019

Cippa l’ipa – 7,0%
Altra escursione americaneggiante per una delle birre più recenti di Maltus faber. Una ipa moderna, chiara, con sentori maltati (crackers, crosta di pane) che si fanno abilmente da parte per lasciare esprimere la luppolatura americana con le sue consuete peculiarità agrumate e resinose. Amara ma senza eccessi.

Triple – 8,0%
Con questa Triple (con la dicitura vallone, mentre quella fiamminga è Tripel) siamo decisamente in Belgio e ci restiamo. Chiara, alcolica, con note fruttate che vanno dalla banana alla frutta bianca matura e sono accompagnate dai sentori pepati originati dal lievito. In bocca parte dolce, ma il finale è secco come da manuale.

Brune – 8,0%
Ancora profondo Belgio con questa birra scura (ma non scurissima) caratterizzata da un aroma in cui le lievi tostature si sposano con sentori di prugna, dattero e frutta secca. In bocca è morbida, corposa e lascia spazio anche a suggestioni di cioccolato e carrube.
Birra Slow nella guida Slow Food 2019

Ed ecco le specialità gastronomiche che degusteremo:

– Salame Sant’Olcese

– Formaggetta genovese

– Acciughe fritte

– Trofie al pesto

***Serata solo su prenotazione***

Scrivete a:
slowfood.vercelli@gmail.com

Prezzo: 15€ per i Soci Slow Food
18€ per i Non soci